Dichiarazioni Redditi - Centro CAF-Pratiche CCIAA - Agenzia Entrate - Centro elaborazione dati, ENEA a Zelo Buon Persico (Lo)

G.M. SERVIZI S.R.L.
Servizi per le aziende, liberi professionisti e cittadini
CONTATTI
Tel. 02.89650505
DOVE SIAMO
Via Alessandro Manzoni 4
26839 Zelo Buon Persico (Lo)
I NOSTRI ORARI
dal Lunedi al Venedi
dalle 09.00 alle 12.30 - dalle 14.00 alle 17.30
Un team di professionisti al vostro servizio
Vai ai contenuti

Dichiarazioni Redditi

Servizi CAF






La dichiarazione dei redditi è l'atto formale attraverso il quale il contribuente espone i propri redditi, indica le spese e gli oneri per i quali vuol far valere i benefici fiscali della deduzione e della detrazione e calcola l'imposta a debito o a credito.

Deve essere compilata e presentata nell'anno successivo a quello in cui i redditi sono stati percepiti o maturati.

Per le persone fisiche il modello da utilizzare può essere UNICO Persone Fisiche oppure, se il dichiarante è un lavoratore dipendente o un pensionato, il modello 730.



DOCUMENTI  NECESSARI PER MODELLO 730

- Documenti di identità e CF del dichiarante, del coniuge e dei familiari a carico;
- Mod 730 o unico relativo ai redditi dell'anno precedente;
- Data di variazione della residenza se variata dal 01/01 ad oggi;
- Redditi da terreni e fabbricati (Visura catastale aggiornata e/o rogiti stipulati nel corso del 2009/10); per aree fabbricabili produrre il valore commerciale aggiornato;
- Contratti d’affitto per gli immobili concessi in locazione;
- Calcolo dell’ici/Imu dovuta per immobile e relativi versamenti.
- Mod/i cud dei redditi:
- Coloro che nell'anno precedente alla dichiarazione hanno un diverso datore di lavoro esibire i dati del neo-datore di lavoro al quale far pervenire il risultato contabile.
- Redditi e pensioni prodotte all’estero;
- Redditi da co.co.co., a progetto e/o occasionali (ritenute d’acconto), diritti d’autore, dividendi, retribuzioni corrisposte da privati ecc.;
- Assegni periodici percepiti dal coniuge separato o divorziato con relativa sentenza;
- Qualsiasi altro reddito o onere rimborsato percepito da valutare in sede di dichiarazione;
- Attestati di versamento Irpef in acconto effettuati direttamente tramite mod F24;

SPESE DETRAIBILI

- Spese mediche sostenute e relative prescrizioni ove richieste. Cure termali e terapie con prescrizione medica obbligatoria.
- Acquisto farmaci attestati da scontrini fiscali parlanti;
- Interessi passivi: Acquisto 1ª casa: rogito acquisto, contratto mutuo, fattura/e notaio e agenzia, quietanze pagamento rate.
- Costruzione e ristrutturazione 1ª casa: contratto di mutuo, licenza edilizia, relative fatture e quietanze pagamento mutuo.
- Premi assicurazioni: dichiarazione della compagnia assicuratrice sulla parte di premio pagata detraibile.
- Spese funebri sostenute per familiari;
- Spese di istruzione (per gli istituti privati fornire l’importo stabilito dai corrispondenti istituti statali);
- Erogazioni liberali effettuate tramite banca o posta;
- spese per la frequenza di asili nido;
- Spese veterinarie;
- Spese per attività sportive praticate dai ragazzi di età compresa tra i 5 e 18 anni;
- Spese per intermediazione immobiliare in dipendenza acquisto abitazione principale;
- Spese per canoni sostenuti da studenti universitari fuori sede;
- Abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico;
- Contratto d’affitto per alloggio adibito ad abitazione principale.
- Spese per sostituzione di frigoriferi e congelatori classe A +
- Spese sostenute per le badanti (Certificato medico di non autosufficienza e Ricevuta con l’indicazione della spesa sostenuta)

SPESE DEDUCIBILI

- Contributi previdenziali obbligatori e non (riscatto laurea, rc auto e moto pagati nell'anno precedente alla dichiarzione)
- Contributi versati alle forme di previdenza complementare;
- Contributi per addetti ai servizi domestici e familiari;
- Spese mediche e di assistenza specifica dei portatori di handicap:
- Dichiarazione attestante il pagamento o ricevute di spesa;
-  Assegno periodico corrisposto al coniuge separato o divorziato: relativa sentenza, quietanze dell’avvenuto pagamento e codice fiscale del coniuge percipiente;
- Spese relative al recupero del patrimonio edilizio (41% e/o 36%) - Ricevuta e comunicazione al centro servizi di Pescara - Fatture e relativi bonifici o certificazione dell’amministratore e pagamenti al condominio.
- Spese per interventi volti al risparmio energetico (55%) - Fatture e relativi bonifici – Ricevuta comunicazione all’ENEA - Copia asseverazione, certificazione e scheda informativa rilasciati da tecnico abilitato.

730: 100 voci sulle spese che si possono detrarre


PRESTATE ATTENZIONE ALLA SEGUENTE ANNOTAZIONE:

La legge di bilancio 2019 aveva previsto che per poter portare in detrazione con il 730/2021 riferito ai redditi del 2020, il 19% delle spese previste dal TUIR come quelle mediche, scolastiche, veterinarie, interessi su mutui ipotecari, donazioni, trasporto etc, le stesse dovevano essere pagate con pagamenti tracciabili come bancomat, carte di credito/debito (anche prepagate) e moneta elettronica, bonifico bancario/postale, bollettino postale, assegno.
Pertanto dovranno essere presentate oltre alla fattura o ricevuta fiscale, prova del metodo di pagamento tracciabile.
Nel caso non si disponesse di tale documento, sarà possibile presentare l'estratto conto del bancomat o della carta di credito. Saranno comunque accettate le spese che riporteranno sul documento stesso, l'indicazione del pagamento tracciabile rilasciato direttamente dal professionista o Struttura che ha emesso il documento. E' possibile che l'annotazione sia anche scritta a penna ma deve riportare il timbro e la firma di chi ha rilasciato la fattura. I documenti che non rispetteranno tali caratteristiche non potranno in alcun modo essere portate in detrazione. Vi invitiamo quindi, a preparare correttamente la documentazione che dovrete fornirci per la dichiarazione dei redditi.

Rispondendo ad un interpello, l'Agenzia delle Entrate ha dato un chiarimento importante riguardo alle modalità di pagamento delle spese sanitarie, in particolare ai casi in cui la carta di credito utilizzata non sia intestata a chi ha usufruito della prestazione ed è quindi beneficiario della detrazione (il caso era del marito che paga la spesa medica della moglie con la sua carta di credito).
L'Agenzia ha risposto che l’onere può essere considerato sostenuto dal contribuente al quale è intestato il documento di spesa, anche se non è l’esecutore materiale del pagamento. Occorre però assicurare ai fini della detraibilità la corrispondenza tra la spesa detraibile per il contribuente e il pagamento effettuato da altro contribuente, fornendo al Caf un documento che provi la transazione/pagamento con ricevuta bancomat o estratto conto o bollettino postale, o MAV.



Per ottenere maggiori informazioni telefonare al num. 02.89650505, oppure inviare e_mail a i.galbiati@gm-group.it

Compilando il modulo qui sotto: sarete contattati (senza impegno) dai nostri responsabili che potranno rispondere a tutte le vostre richieste:












Copyright 2021 La 730-online.it è di proprietà della G.M. SERVIZI Srl C.F./P.I. 06958870963 REA: LO-1470436
Torna ai contenuti